mercoledì 13 dicembre 2017

Santi Numi







I miei lettori lo sanno, le foto delle mie visite alle mostre d'arte sono testimonianza di emozioni del tutto individuali e il racconto che ne faccio, attraverso esse, è il racconto della mia esperienza, non vuole in nessun modo essere una recensione o una critica delle opere che osservo.
Questa è l'ultima mostra del gruppo artistico dei Sapiens Sapiens. Sono affezionata al gruppo nel suo insieme, ad alcuni dei suoi componenti in modo particolare. Non sono riuscita a fotografare tutte le opere perché alle inaugurazioni si è distratti da troppi elementi e poi, ripeto, questa non è tanto la documentazione della mostra quanto la mostra che ho saputo documentare attraverso la mia fotografia. 

Narrative e drammatiche sempre le opere di



Giulia Sini





Gianni Nieddu 

(una delle Stazioni di quella che può apparire come la interpretazione della Via Crucis  cristiana, che Gianni Nieddu ripropone con i tipici tratti essenziali dei suoi disegni,  in questo caso paiono acquisire una valenza particolarmente tagliente e feroce)



La foto in secondo piano fa parte dell'opera di Giorgio Urgeghe che si è fatto ritrarre, sorridente e allegro, in ambienti abbastanza anonimi, interamente vestito di nero, compresi dei guanti in pelle. Ogni posa, delle diverse foto che lo ritraggono, è accompagnata da un attrezzo rosso smontabile che lui tiene tra le mani, seppure poggiata, come in questo caso su di un davanzale. Durante l'inaugurazione Giorgio Urgeghe si aggirava per i magnifici locali dell'ex convento che ospitava la mostra con lo stesso abbigliamento e lo stesso misterioso strumento tra le mani. Inquietante e bellissima, a mio parere, performance.


Seduta e calzature di due artiste



Enrico Pugioni

(pianeta Terra circondato dal nero assoluto. Punto di fuga, anima dell'universo, ricchezza dell'umanità, amore, persino, per tutto ciò che in essa è racchiuso. Profondamente evocativo)



E, infine, gli artisti a colloquio con il loro pubblico e con i rappresentanti istituzionali che hanno messo a disposizione i locali dell'antico convento a Ploaghe, trenta km. circa da Sassari.
Luci quasi caravaggesche su di loro





Max Mazzoli

martedì 5 dicembre 2017

Sul Sapere

  Pubblico un brevissimo stralcio dell'articolo letto sul blog di Slec, il quale, a sua volta, riporta l'intervento di Federico Bertoni sulla condizione attuale dell'università italiana, pubblicato sulla rivista "Gli Asini".
Leggetelo perché è davvero lucido e illuminante di quello che l'intero sistema del Sapere è diventato nel mondo e in Italia. 

"Merito, eccellenza, scelte politiche
 
L’ambizione del libro era anche quella di uscire dal recinto dell’università. Per esempio, l’uso di strumenti quantitativi nelle valutazioni ha degli aspetti politicofilosofici che riguardano un po’ tutto il mondo in cui viviamo. È fondamentale nel governo dell’università contemporanea ma anche di tanti altri ambiti della società occidentale. Tra le altre cose, è un meccanismo che produce una depoliticizzazione dell’azione pubblica: la decisione politica viene nascosta, schermata da un apparato tecnico o tecnocratico che le conferisce una finta oggettività e un potere retorico che si basa su questa apparente razionalità, certificata da numeri, cifre, indicatori. Questo deresponsabilizza la scelta politica o, peggio, la dissimula. C’è sempre un’altra istanza, un decisore esterno più o meno occulto: facciamo la tal cosa perché ci viene chiesto da un organismo tecnico, sovraordinato o parallelo, e quindi non siamo più responsabili della nostra scelta (di fatto, politica).
La funzione principale della valutazione della ricerca e dell’università nel complesso è quella di legittimare, con una parvenza di razionalità, i tagli finanziari e l’ineguale distribuzione delle risorse. Non è un caso che il primo esercizio di valutazione nazionale sia stato avviato in Inghilterra a metà degli anni Ottanta con la Thatcher, in pieno regime neoliberale e di fortissimo definanziamento dei servizi pubblici, e non è un caso che sia diventato un obiettivo strategico in Italia tra il 2008 e il 2009, quando all’orizzonte si profilava la crisi economica e le risorse destinate all’università cominciavano ad assottigliarsi. Il primo provvedimento che ha cominciato a ridurre drasticamente i finanziamenti è la legge 133 del luglio 2008, e da lì in poi è diventato fondamentale non solo tagliare le risorse, ma escogitare e imporre un meccanismo di distribuzione ineguale che apparisse razionale, dunque legittimo."



 Wassily Kandinski

venerdì 1 dicembre 2017

I miei Anni '90

Bene, sono contenta di partecipare a questo gioco, io da sempre restia a "entrare" nei giochi degli altri, per timidezza, forse, per riservatezza, anche, per mancanza di abitudine, sicuro!
Però… la decisione è stata presa lentamente, pensandoci sù dopo aver lasciato un commento sul post di Santa nel quale nomina anche me.

Ho pensato - ma davvero non ricordo nulla di quel decennio? -  e piano piano mi sono vista allora e vedendomi e ricordando i momenti di quella parte della mia vita mi sono venuti in mente anche una valanga di ricordi degli oggetti, dei luoghi, delle persone e/o delle esperienze vissute tramite o in compagnia di essi. Così partecipo, come so fare io, andando fuori tema, privilegiando forse aspetti che la maggior parte delle persone non dice, o non ricorda o chissà o semplicemente prendendomi la libertà di uscire dalle regole quando trattasi di pensiero e modi di esprimerlo.

Il gioco consiste in questo (e appunto, stando alle regole del gioco io non potrei proprio partecipare, dopo vi spiego il perché):

qualcuno sulla piattaforma di blogger ha lanciato l'iniziativa di ricostruire, attraverso alcuni temi base, i propri anni Novanta, non nell'interpretazione che ne daremmo ora, bensì attraverso esperienze culturali, sociali, di vita, realmente verificatesi in quella decade lontana. Leggendo il post di Santa, sono andata a curiosare nei link da lei citati e, proprio per risalire alle fonti, diciamo così, ho letto con interesse il post di colui che ha lanciato la proposta che è arrivata sino a me tramite La Santa furiosa blog. Ho trovato così il post di Miki Moz e letto le regole del gioco, oltre ad avere preso in prestito la sua icona 









Tra di esse si trova quella che mi escluderebbe senz'altro, infatti alla fine della ricostruzione del periodo, attraverso gli argomenti proposti, dovrei nominare cinque blogger scelti tra coloro che hanno lasciato commenti negli ultimi cinque post; i miei commentatori sono davvero pochi, non mi lamento, io stessa  non sono una grande commentatrice, così se escludo Santa e quelli che Santa ha nominato che commentano anche me, di tanto in tanto, l'unico che potrei chiamare fuori è il misterioso e glaciale Floy Turns. Ok, regola infranta, spesso gioco da sola 😂 😅. Vado ad elencare i miei legami al mondo dei '90. Ne tralascio una marea e affermo con convinzione che i miei '90 sono stati grandiosi.





Musica: anche se era già il 98, Clandestino di Manu Chao lo ascoltavo instancabilmente in quegli ultimi anni e molto ballato anche; Skunk Anansie con il loro Stoosh è stata la colonna sonora del viaggio in Cornovaglia del 1997; l'inizio, invece, del decennio è stato sicuramente accompagnato da Tracy Chapman, con i suoi versi
« Across the lines / who would dare to go / under the bridge / over the tracks / that seperate whites from blacks... » e Fast car e Talking about a revolution e ...but you can say baby, baby can I hold you tonight, maybe if I tell you the right words, at the right time you'd be mine, regalo anche questo, in musicassetta, le ricordate?

E poi ascoltavo tutta la musica che capitava ma, la maggior parte, precedente agli anni Novanta; sicuramente, di poco precedente, era Diavolo in me di Zucchero Fornaciari, ballata all'infinito nelle feste organizzate in quei primi anni.

Non ho comunque mai smesso di ascoltare i cantautori italiani, Fabrizio De Andrè, Francesco Guccini, anche Francesco De Gregori, il Banco del Mutuo Soccorso e , per finire fuori dall'Italia, un altra stella per me e gli amici che frequentavo in quegli anni, è stata certamente Patty Smith.





Cinema e Film: Lezioni di Piano di Jane Campion, film del '93; Pulp Fiction di Tarantino, del 1994, Le Iene, Tarantino, del '92; Il grande Lebowski, del 1998 di Joel Coen; Forrest Gump, del 1994 di Robert Zemeckis; Seven, di  David Fincher; Casinò, di Martin Scorsese; Arizona Dream, del 1992, di Emir Kusturica con l'allora bellissimo, per me, Johnny Depp; Lisbon Story, del 1994, di Wim Wenders; Il cuoco, il ladro, sua moglie e l'amante, di Peter Greenaway, film del 1989 ma che sono certa di avere visto tra il 1990 e il 1991, dello stesso regista, in quegli anni, L'ultima tempesta e I Racconti del cuscino; Léon (meraviglia sempre, nell'ultima battuta di Lèon, appunto - Da parte di Mathilda... - quando consegna, al super farabutto poliziotto della narcotici corrotto fino al midollo, il detonatore appena staccato della bomba che Léon indossa su di sé), film del 1994, diretto da Luc Besson; L'odio di Mathieu Kassovitz, del 1995; e Trainspotting diretto da Danny Boyle, del 1996;  Full Monty, del 1997, regia di Peter Cattaneo, con uno stupendo Robert Carlyle; tutto il cinema di Pedro Almodovar, dei Novanta, da Légami a Tutto su mia madre.  Aggiornamenti  del 04/12/2017: Smoke, diretto da Wayne Wang e Paul Auster, del 1995, bellissimo!



E poi basta, non credevo di riportare a mente e tastiera così tanta ricchezza e più ci penso, più mi viene in mente vita 😍





Comics: la mia rivista di Comics era Linus, da prima degli anni Novanta. Innamorata delle strisce dei Peanuts, ho conosciuto tramite Linus molti dei fumettisti importanti di quegli anni. Aggiornamenti del 04/12/2017: Dylan Dog, come ho fatto a dimenticarlo? Credo di averlo letto costantemente per tre o quattro anni





Giochi: quelli che regalavo a mio nipote, nato nel 1993, costruzioni, pupazzi dei film visti insieme, come Toy Story e il suo personaggio preferito Woody





Videogames???????:  No


Televisione: tutta la serie dei programmi di Serena Dandini; amato tutti i numerosi personaggi interpretati da Corrado Guzzanti, da Sabina Guzzanti e tutta la banda che gravitava attorno a loro. Poi, a dire il vero, per molti anni, forse proprio durante i Novanta, spesso nelle case in affitto dove andavo ad abitare in trasferta di lavoro mancava la TV.

Cibo: niente di particolare da segnalare, se non che, imparavo, finalmente a cucinare qualcosa. Bevuto anche tanta birra, rigorosamente Guinness e Murphy's nei viaggi inglesi e irlandesi. Verso la fine del decennio abbiamo aperto anche alla grappa cinese. In quattro riuscivamo a berne, in una serata, un'intera bottiglia. La reggevamo, tutti! Che tempi!


Libri: non sono stata mai, o quasi, lettrice di Best Seller, i miei anni Novanta sono stati gli anni della scoperta di classici, o divenuti tali col tempo, della letteratura di diverse parti del mondo con una propensione maggiore a quelli latinoamericani, tra gli altri Manuel Scorza e la sua La Danza Immobile, è stato il libro con il quale ho inaugurato i Novanta, ricevuto in regalo; e poi Jorge Amado, con Santa Barbara dei Fulmini e Teresa Batista stanca di guerra e Dona Flor e i suoi due mariti e Luis Sepulveda con il suo Il Mondo alla fine del mondo e poi, di seguito, tutti gli altri; José Saramago, (portoghese, non latinoamericano),  L'anno della morte di Ricardo Reis, per iniziare...
Ma negli anni Novanta ho conosciuto anche, insieme ai miei amici artisti, Raymond Queneau e I Fiori Blu e Il diario intimo di Sally Mara e Zazie nel Metrò. Lo so, R. Queneau nei Novanta era morto da un pezzo, la traduzione de I fiori blu, risale al 1967, la lettura di quel romanzo straordinario la posso collocare tra il 1992 e il 1995. Gli italiani Domenico Starnone, Enrico Brizzi e Sergio Atzeni (sardo). E poi non ricordo quanti altri…
Leggevo con passione il manifesto, alcune recensioni letterarie o riflessioni filosofiche dell'epoca,  le ho assimilate e le conservo in me.

Shopping: marche non ne ricordo, indumenti indossati sì: 1) mini abito in cotone elasticizzato, blu con margherite bianche del diametro di non più di quattro centimetri. Era il 1997, lo indossai per andare a prendere i traveler's cheques presso una delle banche della nostra città, per l'imminente viaggio in Gran Bretagna, Londra e giro della Cornovaglia.  Le maniche erano corte, arrivavano appena più giù della spalla; 2) abito (tubino) sopra il ginocchio, in seta, di quella bella seta un poco lucida ma spessa, scollatura a V, senza maniche, sfondo color verde acqua con disegnate, sugli stessi toni di colore dello sfondo, linee oblique di diverso spessore. È stato un abito importante, oltre che perché mi stava d'incanto, perché lo avevo comprato a St. Ives, sulla costa della Cornovaglia, dove per la prima volta vidi, stupefacente, il fenomeno delle maree.


pantaloni con le tasche laterali, mi pare di ricordare si usassero molto in quegli anni. Io li ho certamente avuti, a vita bassa, di un bellissimo cotone resistente e spesso, come non ne ho visto più. Eccoli, in realtà questa è una foto del 2000, ma questi pantaloni mi hanno accompagnato per un numero davvero grande di anni. Li adoravo.



Life: non mi sono sposata negli anni Novanta, neppure in nessun anno precedente. Non ho avuto figli negli anni Novanta e neppure prima, neppure dopo, se è per questo. Ho iniziato timidamente tutta la mia vita di oggi, in quei Novanta. Ho iniziato a lavorare come insegnante, ho iniziato a soffrire di seri problemi all'udito, ho cambiato lavoro diventando docente bibliotecaria, figura non riconosciuta formalmente, per alcuni sono insegnante utilizzata in altri compiti, per altri docente inidonea (saranno loro inidonei!). E' nato mio nipote, appunto, mi sono sentita un po' mamma. Ho, iniziato a frequentare persone legate al mondo meraviglioso dell'arte. Ho imparato moltissimo di quello che so e lentamente trasformata in quello che sono, in quegli anni. Anche i miei brevi ma intensi viaggi sono iniziati allora. La foto che pubblico qui sopra mi vede felice in bici su una delle isole Aran, al largo delle coste irlandesi. 

Ringrazio molto Santa per l'invito, è stato davvero divertente e stimolante.


Scusate per la scrittura assurda, non sono riuscita a modificarla, sarà perché ho realizzato il post su due computer diversi 😕


riproduzione di un disegno di 
Roy Lichtenstein

Dedica sul libro 
La danza immobile

sabato 25 novembre 2017

Amalia









Ho iniziato ieri a leggere L’amore molesto di Elena Ferrante, non sono riuscita a terminarne la lettura per oggi, Giornata Internazionale per ricordare e contrastare la violenza sulle donne, ma ne parlo ugualmente perchè già mi ha dato un’infinità di spunti di riflessione.
Per partecipare, come biblioteca, a questa giornata, vorrei con questo articolo e tramite la lettura intrapresa ieri,  accennare al difficile e, a volte, estramemente inquietante, mondo di donne normali, innocenti, quanto ogni essere umano può essere, se osservato dal punto di vista della sua volontà di sopravvivenza, della sua identità e quindi della sua storia personale, della sua necessità di gratificazione, di riconoscimento, e, persino, d’amore; di tutto questo parla questo libro profondo e difficile.
Certo il contrario dell’ideale di amore cortese, certo il contrario delle storie d’amore a lieto fine, il contrario anche delle storie di amori appassionati e vincenti, dove gli ostacoli incontrati, per quanto numerosi, sono abbattuti dalla forza d’animo dei protagonisti, o aiutati dagli eventi che, nel corso dell’esistenza, si verificano.




https://bibliotecaliceofigari.wordpress.com/2017/11/25/amalia/